La Fed alimenta la bolla del mercato azionario

La Fed alimenta la bolla del mercato azionario con l’acquisto di obbligazioni

di: David P. Goldman

 

L

e bolle durano fino a quando non sembrano fondamentali”, e ho molta paura delle attuali valutazioni azionarie

 

I titoli protetti dall’inflazione del Tesoro, o TIPS, sono il punto di riferimento per i cosiddetti tassi di interesse reali. Sono ancorati all’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti, il che significa che il Tesoro paga agli investitori il tasso di inflazione cpi sulla scadenza dell’obbligazione oltre alla cedola, che ora è negativa dell’1,2% per una nota a 10 anni.

Dopo l’inflazione, cioè, gli investitori pagano al governo degli Stati Uniti l’1,2 per cento all’anno per detenere i loro soldi per loro. Questo è un buon affare per il governo, e un prop per tutti gli altri asset: se i rendimenti reali sui Treasury sono negativi, gli investitori devono detenere asset rischiosi, come lo S&P 500 a 30 volte gli utili, o case in affitto con un rendimento del 3% (che è all’incirca il tasso di ammortamento delle case).

Tasso storico di inadempienza delle obbligazioni high yield globali

COME FA IL TESORO A FARLA FRANCA?

La risposta semplice è che TIPS è un mercato manipolato.

Ci sono solo $ 550 miliardi di TIPS in sospeso e la Fed ora ne possiede $ 300 miliardi. La piccola quantità rimasta per tutti gli altri funziona come una polizza assicurativa, non un investimento. Se l’inflazione arriva molto più del previsto, TIPS darà i suoi frutti. I SUGGERIMENTI sono una copertura contro l’inflazione imprevista, motivo per cui commerciano a stretto contatto con un’altra copertura contro l’inflazione inaspettata, vale a dire l’oro.

 

Il bilancio di Biden presuppone che i tassi di interesse reali per l’indebitamento del Tesoro saranno negativi per i prossimi dieci anni, il che significa che maggiore è il deficit del Tesoro, più denaro risparmia il governo perché gli investitori stanno pagando il governo per trattenere i loro soldi per loro.
Non c’è dubbio nella mia mente che i rendimenti dei SUGGERIMENTI sono guidati dall’acquisto da parte della Fed. L’analisi delle serie temporali mostra che l’entità dei portafogli fed di TIPS è stata il fattore dominante che ha fatto scendere i rendimenti “reali” negli ultimi cinque anni , più importante anche di un tasso di interesse a breve termine pari a zero.
La levitazione perpetua dei prezzi azionari, a sua volta, dipende dai tassi di interesse “reali” negativi.
Le bolle durano fino a quando non si sentono fondamentali, uno dei miei mentori a Wall Street piaceva dirlo. Ma alcuni dei fondamentali stanno diventando estremamente “morbidi”.
La più grande sorpresa nel rapporto sul PIL di oggi per il secondo trimestre è arrivata dall’indice dei prezzi del PIL, che è uscito a un tasso annuo del 6%, cosa che non vediamo da quarant’anni – alla fine della grande inflazione di Jimmy Carter.

Il governo federale non può gestire per sempre disavanzi dell’ordine del 10 per cento del PIL per sovvenzionare i redditi, cercando di pompare la domanda attraverso le sclerotiche catene di approvvigionamento dell’economia statunitense sottoinvestita.
Quando ciò si romperà è come cercare di prevedere quando un’embolia ucciderà un paziente con malattia vascolare avanzata. Non conosco la risposta e nemmeno nessun altro, ma ho molta paura delle valutazioni azionarie. Dovresti esserelo anche tu.
Stefano Colussi
Stefano Colussi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *